venerdì 7 ottobre 2016

L'Origine Evolutiva della Danza

Perché balliamo?
Qual è l'origine evolutiva della danza?
A cosa serve ballare?
Ballare non apporta alcun vantaggio in termini di aumento delle probabilità di sopravvivenza, semmai, essendo un dispendio apparentemente inutile di energia, riduce le probabilità di sopravvivenza piuttosto che aumentarle.
Quindi com'è possibile che la Selezione Naturale abbia portato alla comparsa di tale comportamento?
La risposta, a mio avviso, va cercata nella Selezione Sessuale (altra teoria Darwiniana meno celebre rispetto alla selezione naturale).
Ballare è una manifestazione di buono stato di salute, di prestanza fisica e di buona coordinazione muscolare. Gli individui in stato di malattia, di inedia o con all'apparato locomotore compromesso, non riescono a ballare, o se ballano evidenziano le proprie disfunzioni.
Plausibilmente, i nostri antenati che iniziarono a ballare, furono scelti come compagni (partner) sessuali, e quindi trasmisero il "gene della danza" alle generazioni successive, che lo consolidarono a loro volta.

Del resto varie specie adottano la danza come rituale d'accoppiamento, vedi il Ragno Pavone e l'Uccello del Paradiso (in foto).


NB: "gene" in questa sede non va inteso secondo la moderna definizione della Biologia Molecolare, (ovvero "tratto di DNA che codifica per una proteina") bensì secondo la definizione della Genetica Classica (ovvero "elemento che corrisponde ad un qualunque carattere ereditario").

Articolo dedicato ad Emanuele R.

Printfriendly