domenica 17 agosto 2014

Escursione solitaria alle Cascate Galasia

⇨ Leggi Prima le Avvertenze ⇦

Le Cascate


Ieri, 16 Agosto 2014, ho passato una magnifica giornata alle cascate Galasia di monte Trepitò, che fa parte del massiccio dell'Aspromonte.
Le cascate si susseguono in serie, ripercorrendole dal basso verso l'alto ne ho contate cinque.
L'erosione dell'acqua, in tempi geologici, ha modellato la roccia ricavando terrazze. L'acqua di ciascuna cascata cade nel rispettivo terrazzo riempendo una conca (creando quindi una piscina naturale) prima di defluire nella cascata successiva.
Giacché ho risalito le cascate a retroso, le ho numerate da valle a monte, quindi la "prima" equivale a quella più a valle e la "quinta" a quella più a monte.

Prima e Seconda Cascata

Per ciascuna cascata ho fatto una foto ed un breve filmato che riporto di seguito.
La prima cascata si incontra al termine del sentiero praticabile.

Prima Cascata

Dopodiché, per visitare ogni successiva cascata occorre arrampicarsi sulla roccia ai lati di ogni precedente cascata, non c'è altra via (a meno che non si usi l'elicottero).
Ho deciso senza indugi di arrampicarmi a mani nude, consapevole del rischio a cui andavo incontro, tanto più che essendo da solo non avrei potuto contare su alcun soccorso nel caso fossi scivolato (ammesso che sarei sopravvissuto ad una tale caduta)... se rinunciassi a contemplare certe meraviglie della natura, mi precluderei di vivere intensamente e sarebbe come se fossi già morto, ergo vale la pena morire nel tentativo di vivere.

Prima Cascata vista dall'alto

La seconda e la terza cascata si assomigliano.

Seconda Cascata
Terza Cascata

Ai margini del torrente, tra la terza e la quarta cascata, ho notato alcune pozze di acqua stagnante (ne ho contate quattro) piene di girini.

Girini in acqua stagnante

La quarta cascata è quella dal salto più modesto.

Quarta Cascata

Ed infine la quinta cascata, la più bella.

Quinta Cascata

Ho prodotto il filmato montando le singole riprese delle varie cascate nello stesso ordine usato finora.

Da tale posizione non sono visibili ulteriori cascate, ma dato che la cima del monte è ancora lontana, presumo che ve ne siano altre. Purtroppo è impossibile arrampicarsi sulla parete della quinta cascata senza un'adeguata attrezzatura: la roccia è troppo ripida, scivolosa e priva di sufficienti appigli. Mi piacerebbe ritornare con l'attrezzatura da scalata per procedere oltre.
Questo è il panorama che si scorge dal quinto terrazzo dando le spalle alla cascata.

Panorama dal quinto terrazzo

Fino alla prima cascata è possibile, di rado, incontrare altri escursionisti, percorrendo un sentiero antropizzato, seppur scarsamente, da segnaletica, da qualche ringhiera e da quattro cartelli, e oltraggiato ahimè da qualche rifiuto (nella fattispecie onnipresenti buste di plastica e lattine di Coca-Cola). Ma lassù, dal secondo al quinto terrazzo, sì è isolati dalla civiltà, nessun segno di antropizzazione, nessuna traccia umana: un'enclave della natura nel quale poter saggiare l'esistenza atavica ed osservare il passato, prima dell'avvento dell'uomo. Un santuario di contemplazione della natura selvaggia. Allo scroscio dell'acqua si unisce il sibilio del vento che scuote le cime degli alberi. La pace dei sensi. Per la prima volta ho osservato un fenomeno prodotto dal vento: un bagliore che percorre le chiome degli alberi come un'onda. L'effetto è dovuto alla rotazione parziale del lato inferiore delle foglie bifacciali. Il lato inferiore, propriamente detto "pagina abassiale", differisce per funzione e struttura e possiede un colore diverso dal lato superiore fotosintetico, propriamente detto "pagina adassiale". Il vento scorre attraverso le chiome e colpisce una foglia dopo l'altra ruotandola parzialmente, visto da lontano appare come un'onda luminosa.

Ovviamente ho fatto il bagno sotto tutte le cascate. L'acqua è di una purezza e di una freschezza rigenerante. Ho riempito anche la borraccia.
Mi viene da pensare che forse i protocristiani (San Giovanni Battista) si battezzavano immergendosi nel fiume Giordano proprio perché la sensazione rigenerante è assimilabile alla rinascita, all'abbandono della vecchia vita per la nuova (conversione religiosa).

Ridiscendere è stato più difficoltoso che salire e, in bilico sulla roccia, sporgendomi senza trovare appigli, non è mancato qualche istante di panico che ho prontamente contenuto e domato. Tutto è bene ciò che finisce bene. Soddisfatto della stupenda escursione, un'esperienza indimenticabile.

Mi sento tuttavia in obbligo di dissuadere i lettori intenzionati a tentare l'arrampicata: non fatelo! A me è andata bene, altri potrebbero non essere assistiti da altrettanta fortuna.


Il Sentiero


Al percorso che porta alle cascate si accede dal penultimo tornante stradale prima di arrivare al villaggio di Trepitò. Ho precisamente contrassegnato il luogo su google maps.
All'ingresso ho trovato un avviso dell'Ente Parco Nazionale d'Aspromonte.

Dato che c'era scritto "avviso" e non "divieto", ho deciso di procedere ugualmente.
In effetti il percorso, già di per sé impervio, è ulteriormente accidentato da frane e da alberi caduti che sbarrano il sentiero: ostacoli che affaticano l'escursionista ma che non reputo fattori di pericolo. L'unico serio pericolo che ho incontrato è quello di smarrirsi, essenzialmente per quattro ragioni:

  1. il sentiero si inoltra all'interno di un fitto bosco, gli alberi, indistinguibili, impediscono di vedere a distanza;
  2. il sentiero è tortuoso, scosceso e composto da parecchi bivi;
  3. il sentiero, in molti tratti, è visibile a stento, essendo scarsamente battuto è spesso indistinguibile dal resto del territorio;
  4. ma soprattutto, la segnaletica (le strisce bianche e rosse generalmente apposte sui tronchi e sulle rocce per contrassegnare il percorso corretto) è corrosa dal tempo e nascosta dalla vegetazione.
Si noti, ad esempio, la macchiolina rossa sulla roccia: è quanto rimane del segnale.

Sulla via per il ritorno è molto facile smarrirsi a causa di questo bivio: dato che il sentiero principale curva a sinistra, viene spontaneo seguirlo, tanto più che il sentiero sulla destra è visibile a stento. Un minuscolo segnale (cerchiato in verde nella foto), in parte coperto dal muschio, indica correttamente di svoltare a destra. Pertanto, è difficile fare pronostici sulla durata del cammino, tutto dipende dall'accortezza di guardarsi attorno per imboccare la via giusta.

Il bosco è avvolto da una quiete spettrale, molto suggestiva.
Particolare degno di nota è la presenza di liane.

Le fotografie a dimensione originale le trovate su quest'album.

mercoledì 13 agosto 2014

Come faccio il Salmoriglio

Il Sarmuriddiu, come lo chiamano dalle mie parti (sebbene la fonetica non consenta una perfetta translitterazione), è il condimento della cucina calabrese e siciliana ("sammurigghiu" per quest'ultima), ideale per il pesce arrostito, sia alla piastra, sia alla griglia, sia al forno.

Ingredienti in ordine decrescente di quantità:

  • Succo di limone
  • Olio extravergine d'oliva
  • Prezzemolo fresco tritato
  • Origano
  • Capperi tritati
  • Aglio tritato finemente
  • Pepe nero macinato
  • Sale

Il Salmoriglio (in italiano) non richiede cottura, basta mescolare gli ingredienti energicamente (trattasi di emulsione). Versare il condimento sul pesce già cotto.

Print Friendly and PDF